Per calcolare l’esposizione con una macchina stenopeica bisogna conoscere alcune cose: la distanza focale, cioè la distanza tra il centro ottico dell’obiettivo e il piano pellicola, il diametro del foro, che in questo caso equivale al diaframma, il rapporto focale tra i due, espresso nella usuale misura f. La scuola migliore in questo campo è sicuramente la pratica, considerando l’infinità varietà delle pinhole cameras. Bisogna provare e riprovare, prendendo nota delle esperienze fatte e costruendo una tavola di esposizione, per ogni macchina, in grado di fare da guida durante la ripresa. Bisogna tener presente che, quando si espone la pellicola per tempi lunghi, il tempo deve essere aumentato calcolando il difetto di reciprocità. In rete si trova un software gratuito in grado di calcolare tutto ciò. Funziona con Windows, e consiglio di utilizzarlo per fare pratica e per costruire la propria fotocamera stenopeica. Ecco il link dell’utilissimo Pinhole Designer 2.0. Qualche immagine del software:

La schermata che permette di calcolare il diametro ottimale del foro e la distanza focale ottimale.

La schermata per calcolare i tempi di esposizione.

Breve aggiornamento: se usate il Mac potete scaricare il software PinholeCalc da questo link http://www.concepthouse.com/products/PinholeCalc/

La schermata di PinholeCalc.

Se non volete installare nulla sul computer sono disponibili parecchi calcolatori on-line. Il più completo mi sembra http://www.mrpinhole.com/calcpinh.php. Altri link: http://pinhole.stanford.edu/phcalc3.htm http://www.photostuff.co.uk/pinholec.htm http://www.zeroimage.com/tools/fstopcal4.php

Lascia un Commento

Suffusion theme by Sayontan Sinha
%d bloggers like this: